Sei in: Home » Articoli

Regione Lazio cita undici banche: chiesto risarcimento di 82 milioni

La Regione Lazio, guidata dalla governatrice Renata Polverini, ha annunciato di avere citato in giudizio 11 banche, per chiedere loro il risarcimento di ben 82 milioni di euro, per operazioni finanziarie avvenute tra il 1998 e il 2007. Secondo l'assessore al bilancio, Stefano Cetica, in quegli anni sarebbero avvenuti addebiti di costi occulti, a carico della regione, per operazioni finanziarie su titoli derivati, che non sarebbero giustificabili. Per questo, la Regione Lazio chiederà alle banche la restituzione delle somme indebitamente incassate.
Lo stesso assessore Cetica sottolinea che il lavoro di controllo di tali operazioni ha impiegato la regione per tutta l'estate, con un controllo certosino dei conti. Evidenzia, inoltre, come ciò sia avvenuto di spontanea iniziativa della regione, non attendendo, come sempre capita, che sia la Corte dei Conti a sollevare dubbi di legittimità su determinate voci di spesa. Dalla Regione Lazio si fa sapere che i costi si fermerebbero al 2007, anno in cui la nuova legge impedirebbe la trattazione di titoli derivati per la regione. Le banche citate sono tutte di grosso calibro internazionale; parliamo della tristemente famigerata Lehman Brothers, Ubs, Citigroup, Deutsche Bank, Jp Morgan, Unicredit, Bnl, Barclays e altre. Se la regione vincesse il giudizio, sarebbe una bella boccata di ossigeno per le vuote casse romane.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/01/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF