Sei in: Home » Articoli

Codacond: al via l'azione collettiva per risarcimento danni acqua all'arsenico

codacons id9413.png
Dopo la bocciatura da parte della Commissione Europea della richiesta di deroga ai limiti di legge sulla concentrazione di arsenico nell'acqua potabile, il codacons annuncia l'avvio di una azione collettiva per ottenere il risarcimento dei danni. Come si legge in un comunicato stampa dell'Associazione, sono coinvolti oltre 128 Comuni italiani per un totale di oltre 1 milione di cittadini. "L'acqua che esce dai rubinetti di questi comuni - spiega il Codacons - contiene, infatti, arsenico oltre la soglia di 10 microgrammi per litro, nonostante la legge preveda limiti di 5/6 volte inferiori.
Il rischio per i cittadini di gravi danni alla salute Ŕ altissimo: l'Organizzazione mondiale della sanitÓ e il Comitato scientifico europeo, parlano addirittura di 'alcune forme di cancro'". Considerato che in questi anni il problema non Ŕ stato risolto ma piuttosto dilazionato, il Codacons ha deciso di dare inizio ad una azione collettiva gratuita per i propri iscritti. All'azione (che sarÓ diretta contro lo Stato e le Regioni) possono partecipare anche le amministrazioni comunali interessate. Secondo le stime del Codacons ogni famiglia potrebbe ottenere un risarcimento di circa 600 euro. Per informazioni sull'iniziativa Ŕ possibile contattare il numero verde del Codacons 800.120.444 attivo dal lunedý al venerdý dalle ore 9.30 alle 17.00.
(27/12/2010 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietÓ post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF