Sei in: Home » Articoli

Agcom lo sceriffo? Via alle consultazioni

Avviato il periodo di consultazione pubblica di 60 giorni sul testo in materia di tutela del diritto d'autore approvato dal Consiglio di AGCOM all'unanimitÓ. Per le necessitÓ di consultazione Ŕ stato naturalmente divulgato il testo, finora anticipato solo dalle dichiarazioni di intenti di coloro che l'avevo redatto e da fonti non ufficiali: secondo i primi osservatori, Ŕ quasi identico al testo trapelato nei giorni scorsi. Il testo, nelle parole del presidente dell'AutoritÓ Garante nelle Comunicazioni Corrado Calabr˛, trova una "sintesi efficace tra le contrapposte esigenze" in campo, e in particolare il "diritto dei cittadini alla privacy", l'accesso alla cultura e alla Rete e la tutela del diritto d'autore.
Questo periodo rappresenta una premessa per l'eventuale trasformazione in legge del pacchetto di iniziative adottate su indicazione del Decreto Romani: l'AutoritÓ intende in questi due mesi acquisire informazioni e documentazioni da parte dei diretti interessati, i quali potranno inviare, rispettando la modalitÓ richiesta, le proprie comunicazioni all'indirizzo di posta certificata agcom@cert.agcom.it. Nell'atto che avvia la consultazione specificate anche le domande cui l'AGCOM Ŕ interessata ad avere risposta. Sistema di notice-and-takedown, il ruolo di AGCOM come sceriffo del suo corretto funzionamento e iniziative per favorire la diffusione del download legale, il tutto senza arrivare a controllare il singolo utente: starÓ ora alle parti che aderiranno alla consultazione pubblica valutare se il testo proposto dall'Authority rispetti le promesse della vigilia e sia o meno affine al testo trapelato.
Claudio Tamburrino
Pubblicazione autorizzata da punto-informatico.it
(26/12/2010 - Punto Informatico)
Le pi¨ lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna pi¨ di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna pi¨ di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF