Sei in: Home » Articoli

In vigore da Natale decreto legislativo sullo smaltimento dei rifiuti: sanzioni più pesanti a privati che abbandonano rifiuti per strada

spazzatura id9459
Entrerà in vigore il 25 dicembre 2010 il Decreto Legislativo 205/2010 sullo smaltimento dei rifiuti che prevede un aumento delle sanzioni per i privati che abbandonano rifiuti per strada. Lo fa sapere il Governo che, diffondendo i dati di un'indagine della Confederazione italiana agricoltori, prevede che nelle feste natalizie finiranno nella spazzatura cinquecentomila tonnellate di rifiuti alimentari. Il decreto in questione è il frutto del recepimento di una direttiva europea (direttiva quadro rifiuti 2008/98/ce) in cui vengono definiti alcuni concetti base come la nozione di rifiuto, recupero e smaltimento. Il provvedimento contiene obblighi in materia di gestione dei rifiuti, come l'obbligo di autorizzazione e di registrazione per un ente o un'impresa che effettua le operazioni di gestione dei rifiuti, un obbligo per gli Stati membri di elaborare piani per la gestione dei rifiuti e l'obbligo di trattare i rifiuti in modo da evitare impatti negativi sull'ambiente e sulla salute umana.
“E' certo – si legge nella parte finale della nota diffusa dal governo - che la previsione delle nuove sanzioni riuscirà a limitare questa pratica così brutta e diffusa. Un atto di cosciente responsabilità da parte nostra, consentirà ai nostri rifiuti di prendere la destinazione degli impianti di riciclaggio per farli trasformare in vera e propria risorsa piuttosto che inviarli alle discariche”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/12/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF