Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non si licenzia chi si sposa

Non si licenzia chi si sposa. E' dunque nullo il licenziamento della lavoratrice intimato nel periodo compreso fra la richiesta della pubblicazione di matrimonio e il compimento di un anno dalla celebrazione. Di conseguenza la lavoratrice ha diritto ad essere riammessa in servizio. Con tanto di risarcimento. Lo ha stabilito la Cassazione che ha accolto il ricorso di Gabriella P., una biologa di Siracusa che aveva perso il posto di lavoro a cinque giorni dalle nozze (sposatasi il 20 giugno del '94 era stata silurata il 15 dello stesso mese). Un allontanamento ingiustificato per Gabriella che si era rivolta al Pretore di Siracusa per essere reintegrata ed ottenere il risarcimento del danno subito.
Esaudita nelle sue richieste, la biologa aveva visto limitare la condanna dell'azienda al pagamento di dodici mensilita' della retribuzione dal Tribunale di Siracusa.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/05/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF