Sei in: Home » Articoli

No al mandato di arresto europeo se lo straniero è imputato in Italia per gli stessi reati.

Con la sentenza n. 41370 depositata lo scorso 23 novembre, la Corte di cassazione ha negato l'eseguibilità del mandato di arresto europeo se lo straniero verso cui si chiede il mae è già imputato nel nostro paese. Secondo quanto si apprende dalla sentenza di legittimità, in seguito alla decisione della Corte di Appello di merito con cui veniva disposta la consegna di un cittadino bulgaro per il reato di sfruttamento della prostituzione, la Cassazione ha annullato la decisione dei giudici di merito, precisando che se l'uomo è imputato nel nostro paese per lo stesso reato non è possibile la consegna dell'uomo a meno che il mae non sia basato su una sentenza definitiva di condanna.
Come si legge dalla parte motiva della sentenza infatti, “ai sensi dell'art. 18, comma 1, lett, o), della legge 22 aprile 2005, n. 69, è vietata la consegna della persona ricercata se per lo stesso fatto è in corso in Italia procedimento penale, a meno che il MAE concerna, l'esecuzione di una sentenza definitiva di condanna. La Corte di merito è dunque tenuta a valutare, in applicazione dell'art. 24, comma 1, della legge n. 69 del 2005, se rinviare la consegna per consentire la definizione del processo pendente in Italia, attraverso una considerazione dei parametri (in particolare, stato del procedimento, gravità dei fatti, entità della pena da scontare) individuati dalla giurisprudenza”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/11/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF