Sei in: Home » Articoli

Inchiesta: l'88% delle donne ritiene che ci sia disciminazione sul lavoro

Secondo quanto emerge da un'inchiesta condotta dal periodico femminile "Elle" 88 donne su cento si sentono discriminate sul lavoro. Per il 62% delle intervistate le capacitÓ lavorative le donne sarebbero sottovalutate rispetto a quelli degli uomini; la discriminazione, secondo il 56% del campione, sarebbe dovuto alla maternitÓ, mentre per il 45% delle intervistate il lavoro delle donne sarebbe sottopagato rispetto quello degli uomini. Il 38%, infine, ritiene che ci troviamo in una societÓ maschilista. Eppure, come si legge in una scheda Adnkronos, "In ambito professionale, le donne italiane si considerano piu' precise, concrete e veloci (50%) con le stesse competenze e capacita' degli uomini (50%) e pensano che una maggior presenza di donne in ruoli di potere potrebbe portare importanti vantaggi anche in termini economici (42%). Il 63% del campione percepisce che il mancato raggiungimento di un posto di responsabilita' e' dovuto al dover conciliare lavoro e vita privata e che conseguentemente gli uomini al comando difficilmente puntino su di loro (58%)".
(22/11/2010 - N.R.)
Le pi¨ lette:
» Pensione reversibilitÓ: anche alla vedova spetta la quattordicesima
» Legge 104: agevolazioni concesse al familiare del disabile
» Avvocati: online la nuova banca dati gratuita
» Avvocati e professionisti: deducibile al 100% la polizza per i clienti che non pagano
» Nel mantenimento del figlio Ŕ compresa la ricarica del cellulare
In evidenza oggi
Papa: societÓ "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupatiPapa: societÓ "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupati
Arriva l'112: il numero unico per le emergenzeArriva l'112: il numero unico per le emergenze
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF