Sei in: Home » Articoli

Class action: il no della Corte d'Appello di Torino

Con comunicato stampa del 28.10.10 il Codacons ha reso noto che la Corte d'appello di Torino ha respinto il ricorso presentato dalla associazione nei confronti del gruppo Intesa San Paolo per le nuove commissioni bancarie ritenute illegittime in quanto applicate in violazione del divieto di cui alla legge n. 2/09. La mancanza di un interesse attuale e concreto, secondo la Corte d'Appello non legittima il Codacons ad l'utilizzo della action nei confronti del gruppo bancario. Con la decisione in esame la Corte ridimensiona lo strumento della nuova azione di classe come disciplinata dall'art. 140 bis del Codice del consumo, ritenuto applicabile solo nei casi di danni gią verificatisi e immediatamente risarcibili. Il Codacons nel proprio comunicato ha denunciato come, in questo modo, vengano messe seriamente in discussione le potenzialitą del nuovo istituto, che doveva essere interpretato alla luce degli altri istituti analoghi di diritto comunitario ovvero in base alle esperienze giuridica degli ordinamenti pił evoluti.
La decisione in oggetto inoltre si pone in contrasto con il parere gią espresso in udienza dal Procuratore Generale, il quale aveva riconosciuto la presenza di un danno concreto ed attuale e la sussistenza tutti i presupposti per una decisione di ammissibilitą della azione promossa dal Codacons. L'associazione ha gią annunciato che adesso l'ultima parola spetterą alla Corte di Cassazione.
(08/11/2010 - Elisa Barsotti)
Le pił lette:
» Processo civile: l'opposizione all'esecuzione
» Designer e architetti: come sfruttare al meglio gli smartphone
» Addio al genitore collocatario: la prima sentenza del tribunale di Lecce
» Equitalia cerca avvocati: domande entro il 27 giugno
» Vaccini: multe fino a 7.500 euro per i genitori e sospensione della potestą
In evidenza oggi
I figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anzianiI figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anziani
Divorzio: assegno anche se la ex rifiuta di lavorareDivorzio: assegno anche se la ex rifiuta di lavorare
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF