Sei in: Home » Articoli

Approvato il disegno di legge "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani".

Lo scorso 22 ottobre il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al disegno di legge "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani". Il provvedimento mira principalmente a incrementare e valorizzare il patrimonio arboreo, le aiuole e gli spazi dedicati alla tutela della natura e della vita all'aria aperta, specie nei centri abitati, con evidenti ricadute positive sulla qualità di vita dei cittadini, sulla salubrità dell'atmosfera e sulla prevenzione del dissesto idrogeologico. Altro scopo dichiarato della nuova normativa è quello di accrescere, soprattutto nei giovani, la conoscenza e il rispetto dell'ambiente. E' dedicata soprattutto a quest'ultima finalità, ad esempio, l'istituzione della “Giornata nazionale dell'albero”, che si celebrerà ogni 21 novembre. Durante questa ricorrenza, le scuole, giovandosi della collaborazione di autorità comunali e/o regionali e del Corpo forestale dello Stato, faranno vivere ai ragazzi l'esperienza di mettere a dimora delle piantine in aree pubbliche. Altre iniziative, poi, saranno organizzate presso istituti di istruzione e Università sulla base di intese raggiunte tra il Ministero dell'ambiente e il MIUR. La legge, inoltre, abbrevia a novanta giorni il termine entro il quale il Sindaco dovrà garantire la messa a dimora di un albero per ogni nuovo nato nel territorio di competenza.
Il “primo cittadino”, poi, avrà il compito di censire e classificare gli alberi piantati nel proprio Comune, pubblicando il bilancio arboricolo locale almeno due mesi prima della fine del suo mandato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/11/2010 - V.Z.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF