Sei in: Home » Articoli

Lavoro irregolare: firmata una Convenzione per la cooperazione tra le Direzioni provinciali del Lavoro e la Guardia di Finanza

In data 26 ottobre 2010 è stata firmata dal Comandante generale della Guardia di Finanza e il Direttore generale dell'Attività Ispettiva la "Convenzione per la cooperazione fra Comandi provinciali della Guardia di Finanza e le Direzioni provinciali del Lavoro nel contrasto ai fenomeni di criminalità connessi allo sfruttamento del lavoro e all'occupazione illegale dei lavoratori". Tale collaborazione prevede uno scambio informativo mediante modalità di segnalazioni reciproche, possibilmente in tempo reale, dei fenomeni di particolare gravità riguardanti l'ambito lavorativo riscontrati a livello locale.
In particolare i Comandi provinciali della Guardia di Finanza si impegnano a segnalare alle Direzioni Provinciali del Lavoro situazioni indicative di possibili illeciti, rilevate nell'ambito dell'ordinaria attività di servizio, con riferimento, tra l'altro, all'esistenza di cantieri o strutture con la presenza di lavoratori "irregolari" od "in nero", ovvero con visibili e palesi violazioni alla normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Le Direzioni Provinciali del Lavoro provvederanno a segnalare ai Comandi Provinciali della Guardia di Finanza le situazioni indicative di possibili evasioni fiscali e contributive, fenomeni di sommerso d'azienda, ingerenze della criminalità organizzata nello sfruttamento di manodopera "irregolare" ed "in nero", frodi sui finanziamenti pubblici nonché di produzione e commercializzazione di prodotti contraffatti. La convenzione introduce inoltre una nuova collaborazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per la formazione specialistica dei militari della Guardia di Finanza.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/10/2010 - L.S.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF