Sei in: Home » Articoli

Genova: uccise la madre- la Cassazione conferma 30 anni

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a trent'anni di reclusione per Stefano Diamante, il genovese 28enne che uccise la madre colpi di martello che tornerà dunque in carcere. Diamante era stato rimesso in libertà nel 2001 in seguito a una discussa sentenza del Gup Roberto Fucigna di Genova che non aveva ritenuto ci fossero gli elementi di pericolosità sociale per tenere in carcere il giovane. Sulla vicenda era intervenuto anche l'allora guardasigilli Piero Fassino. Diamante, atleta e figlio modello fino all'Università, aveva ucciso la madre perché temeva che scoprisse che aveva mentito affermando di avere superato gli esami e di essere prossimo alla laurea.
(10/05/2003 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF