Sei in: Home » Articoli

Invasione del fotovoltaico al sud Italia: voci contrastanti.

fotovoltaico id9158
Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia e coordinatore politico della piattaforma sui cambiamenti climatici del Comitato delle Regioni, ha esaltato in più occasioni i brillanti risultati raggiunti dal territorio pugliese negli ultimi anni: grazie alla massiccia costruzione di impianti eolici e fotovoltaici, che ormai fanno parte integrante delle immense distese pianeggianti, oggi la Puglia è la prima regione italiana in tema di produzione di energia fotovoltaica ed eolica. Lo scorso 5 ottobre, durante l'incontro per la firma di un accordo fra sindaci dell'U.E. e degli Usa nella lotta contro i cambiamenti climatici, lo stesso Vendola ha proposto un piano che prevede di implementare ulteriormente il fotovoltaico in Puglia: ogni tetto di abitazione dovrà avere il proprio pannello fotovoltaico. E per il futuro, il presidente di questa Regione “pilota” mira a garantire autonomia energetica e perfino vendita di energia prodotta attraverso fonti di energia rinnovabile, anche a capannoni industriali, imprese agricole, scuole, ospedali etc. Ma c'è chi vuole porre un freno al dilagare del fotovoltaico nel sud Italia.
Tra gli altri, il Ministro delle politiche agricole Giancarlo Galan ha annunciato l'intenzione di “dirottare” l'implementazione di impianti fotovoltaici verso tetti, coperture di capannoni e piccoli appezzamenti di terreno, evitando che all'agricoltura italiana siano strappati campi estesi anche decine di ettari ciascuno.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/10/2010 - V.Z.)
Le più lette:
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
» Lavoro: la pausa caffè non è reato
» Semaforo giallo: quando scatta la multa?
In evidenza oggi.
Terremoto: sospeso il pagamento dei premi assicurativi
Pensione giovani: si pensa a una garanzia dello Stato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF