Sei in: Home » Articoli

Comunicazione tramite facebook agli arresti domiciliari? anche questa fattispecie viola il generico "divieto di comunicazione"

Con la sentenza n. 37151 la Corte di cassazione ha stabilito comunicare via internet è vietato a chi è soggetto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Il divieto di comunicare con persone diverse dai familiari, come espressamente stabilito dall'art. 276 del codice di procedura penale, ha spiegato la Corte, va inteso nel senso di estendere il divieto di comunicare anche tramite internet o a qualsiasi altri strumento di “comunicazione”. Il concetto di divieto di comunicazione viene così allargato non solo in riferimento alla divieto di comunicare direttamente a voce con i propri familiari ma viene esteso anche alla comunicazione che avviene tramite internet o tramite pizzini, gesti, comunicazioni mediatiche o altri strumenti d questo tipo.
Nella parte motiva della sentenza si legge infatti che “la generica prescrizione di “non comunicare con persone diverse dai familiari conviventi” prevista dall'articolo 276, comma uno, c.p.p., va intesa nella accezione di divieto non solo di parlare con persone non della famiglia e non conviventi, ma anche di entrare in contatto con altri soggetti, dovendosi ritenere estesa, pur in assenza di prescrizioni dettagliate e specifiche, anche alle comunicazioni, sia vocali che scritte attraverso Internet”. Tuttavia, hanno continuato i giudici di legittimità, “l'uso di internet non può essere vietato tout court ove non si risolva in una comunicazione con terzi, comunque, attuata, ma abbia solamente funzione conoscitiva o di ricerca, senza entrare in contatto, tramite web, con altre persone”. La Corte ha poi da ultimo precisato che “l'eventuale violazione di tale divieto va, comunque, provato dall'accusa e non può ritenersi presunto, nella fattispecie, dall'uso dello strumento informativo”.
(30/10/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Contratto di convivenza: come funziona
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF