Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no al carcere preventivo per i bulli a scuola

carcere deternuto prigione
La Cassazione dice no al carcere preventivo per i bulli in eta' scolare anche se trovati in possesso di armi. Secondo gli Ermellini infatti, allontanarli da scuola potrebbe sortire effetti peggiori. Insomma, la pena detentiva, per la Corte, potrebbe rivelarsi controproucente. Sulla base di queste argomentazioni la Seconda sezione penale (sentenza 36659/2010) ha accolto il ricorso di due studenti indagati per vari reati connessi al bullismo. Il Tribunale per i minorenni aveva applicato loro la misura della custodia cautelare in attesa del processo. Per la Cassazione per˛, non si deve escludere a priori una misura cautelare diversa dal carcere, perchŔ Ŕ necessario capire che effetti pu˛ produrre "l'allontanamento dall'ambiente scolastico in ordine al pericolo concreto di reiterazione delle condotte criminose". Il Tribunale aveva ravvisato nei due studenti (che all'epoca erano minorenni) un "spiccata pericolosita' sociale, tale da rendere assai probabile la reiterazione di analoghi comportamenti delittuosi" nei confronti dei compagni. Nella ricostruzione del fatto la Seconda sezione penale, fa rilevare che nel corso dell'indagine era stata anche sequestrata una pistola ad uno dei due 'bulli'. E proprio da qui era scaturita la decisione di tenerli in carcere in attesa del giudizio.
Altre informazioni su questa sentenza
(15/10/2010 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Processo civile: l'opposizione all'esecuzione
» Designer e architetti: come sfruttare al meglio gli smartphone
» Addio al genitore collocatario: la prima sentenza del tribunale di Lecce
» Equitalia cerca avvocati: domande entro il 27 giugno
» Vaccini: multe fino a 7.500 euro per i genitori e sospensione della potestÓ
In evidenza oggi
I figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anzianiI figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anziani
Divorzio: assegno anche se la ex rifiuta di lavorareDivorzio: assegno anche se la ex rifiuta di lavorare
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF