Sei in: Home » Articoli

Corte di Giustizia UE: permesso di "allattamento" al padre qualunque sia lo status professionale della madre del bambino

padre allatta id9117
La Corte di Giustizia UE, con la sentenza del 30 settembre 2010 - causa C-104/09, si esprime in merito alla conformità della normativa spagnola secondo cui le madri lavoratrici subordinate possono beneficiare di un permesso per l'allattamento mentre i padri lavoratori subordinati possono beneficiarne solamente se la madre è una lavoratrice subordinata e non nel caso in cui svolga un'attività autonoma o sia casalinga. La Corte, sottolineando che la normativa spagnola prevede una discriminazione di trattamento fondata sul sesso tra madri e padri aventi lo stesso status di lavoratore subordinato, riconosce che i padri lavoratori dipendenti hanno diritto al permesso "per allattamento" indipendentemente dallo status professionale della madre del bambino.
Tale permesso, prosegue la sentenza, consente di assentarsi dal luogo di lavoro per un'ora, frazionabile in due periodi, o di ridurre di mezz'ora l'orario di lavoro giornaliero. In Italia i riposi c.d. per allattamento in favore del padre sono previsti dall'art. 40 del D.Lgs. n. 151/2001 e la madre casalinga è considerata alla stregua della madre lavoratrice alla luce dei chiarimenti espressi dalla circolare INPS n. 118/2009.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2010 - L.S.)
Le più lette:
» Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Catasto: è gratuita la consultazione delle visure
» PAS: non è una patologia ma un comportamento illecito
» WhatsApp: solo 2 minuti di tempo per cancellare i messaggi
» Diritto di famiglia: è possibile imporre al minore di frequentare l'altro genitore?
In evidenza oggi
Equitalia: senza prova della notifica delle cartelle la procedura esecutiva è nullaEquitalia: senza prova della notifica delle cartelle la procedura esecutiva è nulla
Migranti: i minori non potranno mai essere respinti. Ok alla nuova leggeMigranti: i minori non potranno mai essere respinti. Ok alla nuova legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF