Sei in: Home » Articoli

Giustizia civile: CNF, urgente una legge su opposizioni a decreti ingiuntivi

Il Consiglio nazionale forense, a seguito della recente decisione delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (la n.19246/2010 del 9 settembre scorso) che sta creando non pochi problemi nella categoria forense, ha manifestato preoccupazione per il possibile effetto "smaltimento" per improcedibilita' di migliaia di opposizioni a decreti ingiuntivi. E' indispensabile - spiega il CNF - una legge urgente "che impedisca le dichiarazioni in massa di improcedibilita' delle opposizioni ai decreti ingiuntivi nelle quali l'opponente non si sia costituito nel termine di cinque giorni". La decisione delle Sezioni Unite da un lato ha confermato che l'abbreviazione dei termini di costituzione dell'opponente consegue automaticamente alla concessione all'opposto di un termine di comparizione inferiore a quello ordinario, ma dall'altro ha introdotto un meccanismo ''automatico'' della riduzione alla meta' del termine di costituzione dell'opposto che - secondo il CNF - può avere conseguenze devastanti.
La tardiva costituzione dell'opponente (oltre il termine di cinque giorni) - ricorda il CNF - "va equiparata alla sua mancata costituzione e comporta l'improcedibilita' dell'opposizione". Per questo per il Cnf, occorrerebbe "chiarire urgentemente e in via normativa la portata dell'articolo 645 cpc, secondo comma, specificando che l'abbreviazione dei termini di costituzione dell'opponente non sia automatica ma discenda dalla sua scelta di avvalersi della facolta' di ridurre all'opposto il termine a comparire".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/10/2010 - N.R.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF