Sei in: Home » Articoli

Permesso invalidi usato senza titolare? Il comportamento determina sanzione amministrativa e non condanna penale

L'automobilista che espone indebitamente il permesso invalidi non in presenza del titolare, rischia al massimo una sanzione amministrativa e non una condanna penale. Il principio è stato enunciato dalla Corte di Cassazione e messo nero su bianco nella sentenza n. 35004 del 28 settembre 2010. In particolare, su ricorso proposto dalla procura di Firenze, avverso la sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste, emessa nei confronti di alcuni automobilisti, che avevano utilizzato indebitamente il permesso invalidi in assenza del titolare a bordo, la Corte ha stabilito che il comportamento degli automobilisti non integra nessun reato, ne tantomeno il reato di truffa in quanto “manca - come si legge dalla parte motiva della sentenza - come requisito implicito della fattispecie tipica del reato di truffa, l'atto di disposizione patrimoniale che costituisce l'elemento intermedio derivante dall'errore ed è causa dell'ingiusto profitto con altrui danno”. Occorre considerare poi che “la condotta contestata agli imputati è oggetto di una specifica previsione normativa, che riconduce “senza residui” il fatto nell'ambito di un mero illecito amministrativo.
Nel quarto e nel quinto comma dell'art. 118 c.d.s., sono infatti contemplate tutte le possibili ipotesi di abuso delle strutture stradali riservate agli invalidi, dalla loro utilizzazione in assenza si autorizzazione, o fuori delle condizioni e dei limiti dell'autorizzazione, all'uso improprio dell'autorizzazione”. La Corte ha poi concluso specificando che la volontà del legislatore sarebbe stata quella di “coprire” con la norma speciale anche i casi di chi utilizzi indebitamente un permesso invalidi altrui, consentendo anche in questo caso l'operatività del principio di specialità di cui all'art. 9 l. 24 novembre 1981 n. 689, applicabile quando il medesimo fatto sia punito da una disposizione che prevede una sanzione amministrativa”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/10/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF