Sei in: Home » Articoli

Professore di religione presta servizio in scuole statali superiori? Non è sufficiente per accedere all'esame di abilitazione all'insegnamento

Niente esame di abilitazione per i professori di religione. A dirlo è una recente sentenza del Tar Lazio, la n. 32600 del 29 settembre scorso, con cui i giudici amministrativi di primo grado hanno rigettato il ricorso proposto da una professoressa pugliese di religione in seguito ad un provvedimento con cui veniva negato alla stessa la possibilità di partecipare alla sessione riservata di esami per l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole superiore. Nel rigettare il ricorso della donna, i giudici hanno spiegato che “l'insegnamento della religione cattolica non può considerarsi pienamente equiparato agli altri insegnamenti rivestendo, i soggetti abilitati ad impartirlo, una peculiare posizione di status in ragione dei differenziati profili di abilitazione professionale richiesti, delle distinte modalità di nomina e di accesso ai compiti didattici, nonché della specificità dell'oggetto dell'insegnamento.
Trattasi di peculiare posizione che non trova corrispondenza nella dotazione di organico dei ruoli ordinari, traendo fonte il relativo rapporto di lavoro da incarichi annuali e senza collegamento con altre classi di concorso; requisiti, invece, richiesti dall'art. 2 comma 4, l. n. 124 del 1999 ai fini della maturazione dell'anzianità didattica occorrente per l'ammissione alla sessione riservata di abilitazione (CdS, VI, 19 giugno 2009, n. 4043; id., 13 luglio 2007, n. 3715; id. 4 aprile 2007, n. 1515; id. , 27 settembre 2005, n. 5645)”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/10/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF