Sei in: Home » Articoli

Cassazione: proroga dei contratti a termine solo per motivi eccezionali

stretta mani id9028
Con la sentenza n. 19365 del 10 settembre 2010, la Corte di Cassazione ribadisce il principio di diritto secondo cui, a norma dell'art. 2, L. n. 230 del 1962 (vigente al tempo cui si riferisce lo specifico caso), "la proroga del termine è consentita unicamente in presenza di esigenze contingenti e imprevedibili ontologicamente diverse da quella che aveva giustificato l'originaria apposizione del termine (Cass. 16 aprile 2008 n. 9993 e 23 novembre 2006 n. 24886)". Nel caso preso in esame dalla Suprema Corte, i ricorrenti, condannati in primo grado a convertire un contratto a termine, prorogato in violazione della legge, in rapporto a tempo indeterminato, sostengono che l'autorizzazione dell'Ispettorato del Lavoro ai sensi della legge n. 79 del 1983, "legittima sia l'apposizione del termine che l'eventuale proroga del contratto nei limiti temporali previsti dall'autorizzazione", rimuovendo il limite legale imposto sulle attività temporanee e rendendo legittima la proroga.
Di contrario avviso la Corte di Cassazione che, rigettando il ricorso, precisa che nessuna norma di legge può derogare alla regola in forza della quale la proroga è ammessa, con il consenso del lavoratore, non più di una volta e per un periodo non superiore alla durata del contratto iniziale, quando è richiesta per motivi eccezionali e riguarda le stessa attività "ancorché detta proroga mantenga la durata del contratto all'interno del periodo autorizzato dall'ispettorato del lavoro".
(27/09/2010 - L.S.)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF