Sei in: Home » Articoli

Consulenti Lavoro: titolare studio condiviso deve emettere fattura per il rimborso consumi

Nel parere n. 23 del 14 settembre 2010 la Fondazione studi Consulenti del lavoro ha fornito chiarimenti in merito agli obblighi fiscali che gravano sul soggetto che risulta intestatario di un contratto di locazione di un ufficio che condivide con altri colleghi pur in mancanza di un contratto societario. Per i Consulenti quando si condivide l'ufficio senza essere soci non ci si può limitare ad addebitare la quota dei costi delle bollette agli altri professioniti ma è necessario emettere fattura al momento del rimborso. Nella prassi in genere se c'è un intestatario delle bollette gli altri professionisti si limitano a pagare la rispettiva quota per i servizi di cui usufruiscono.
In questo modo però non possono dedurre le spese sostenute dalle imposte. Per ovviare a questo problema la Fondazione spiega che l'intestatario della boletta deve emettere fattura per la quota del rimborso applicando l'aliquota Iva applicata al servizio. Non va invece operata la ritenuta e le somme rimborsate debbono essere computate come minor costo sostenuto non andando a costituire componenti positive di reddito.
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/09/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF