Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Inps: al via bando per 2.600 avvocati domiciliatari

team lavoro id8979
Dal 15 settembre al 24 ottobre 2010 gli avvocati potranno presentare all'INPS domanda per via telematica per diventare avvocati esterni del'istituto. Da mercoledì parte infatti il bando dell'Inps per acquisire la disponibilita' di avvocati, come procuratori domiciliatari e/o sostituti di udienza. Le domande per oltre 2600 posti potranno essere presentate esclusivamente in via telematica, tramite il sito dell'Istituto (www.inps.it). Non sono ammesse modalita' alternative e per questo non saranno rpse in considerazione le domande ch eperverranno a mezzo posta o consegnate a mano. Per accedere al servizio online occorre essere muniti di Pin o della carta nazionale dei servizi (Cns). Chi è interessato può scaricare copia protocollata della domanda che ne attesta la ricezione da parte dell'Inps. L'Istituto assicura in ogni caso una modalità rapida per il rilascio del PIN. "Con questa nuova operazione - spiega il presidente dell'Istituto, Antonio Mastrapasqua - l'Inps completa la configurazione della sua nuova Avvocatura, sempre piu' efficiente ed agguerrita per poter far fronte al contenzioso piu' consistente d'Italia.
In questo ultimo anno e mezzo l'andamento delle cause ha segnato un sensibile miglioramento. Con l'apertura agli avvocati domiciliatari e ai sostituti d'udienza in tutto il territorio nazionale potremo contrastare sempre piu' attivamente le cause rivolte all'Inps". In questo modo la nostra Avvocatura "avra' uno strumento in piu' per difendere gli interessi dell'Istituto. Nuove tecnologie informatiche a disposizione, un nuovo sistema di gestione del contenzioso e un sostegno per poter sostenere le 900mila cause pendenti".
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/09/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF