Sei in: Home » Articoli

Nuova Zelanda, assoluzione per Street View

Si tratta di una decisione evidentemente ben accolta sia da Google che dai responsabili del suo servizio di mappatura Street View. Chiaramente sperando che si inneschi una sorta di virtuoso effetto domino in altri paesi del mondo. La polizia neozelandese ha infatti recentemente scagionato BigG dalle accuse mosse in precedenza dal garante locale della privacy. Al centro del mirino era finita la raccolta involontaria di una massiccia quantità di dati personali, come "aspirati" a mezzo WiFi dalle note googlecar in giro per il mondo. Le auto di BigG erano in giro in 30 nazioni diverse, compresa la Nuova Zelanda. Nello scorso giugno, il garante Marie Shroff aveva deciso di contattare la polizia locale per aprire di fatto un'inchiesta.
Le indagini si sono appena concluse, con esito favorevole all'azienda di Mountain View. Non ci sarebbero dunque prove sufficienti a stabilire la sussitenza di un crimine a carico di Street View. Anzi, secondo il sergente John van den Heuvel, gli utenti neozelandesi dovrebbero prestare maggiore attenzione alle proprie reti wireless.
"Chiunque utilizzi il WiFi dovrebbe assicurarsi di avere adottato le misure di sicurezza appropriate - ha sentenziato Heuvel - La gente non dovrebbe sottovalutare i rischi derivanti dal rilascio di informazioni personali, che potrebbero quindi venir catturate da altri, sia per sbaglio che per scopi illeciti". La parola sulla questione tornerà ora al garante Marie Shroff.
Mauro Vecchio
Articolo pubblicato su autorizzazione di http://punto-informatico.it/
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/09/2010 - Punto Informatico)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF