Sei in: Home » Articoli

Cassazione: arriva l'"ingiuriometro" non sempre il "Vaffa" è offensivo

vaffa id8950
D'ora in avanti occorre fare attenzione al modo di reagire di fronte a un torto ricevuto. O meglio sarà necessario valutare fino a che punto ci si può spingere con l'uso di parole offensive. Gli Ermellini fanno rilevare che oggi si usa con troppa facilità il vaffa e consiglia quindi di reagire in modo più pacato. Insomma se proprio dovete reagire ad un torto ricevuto, anziche' mandare a 'quel paese' qualcuno, ditegli semplicemente 'non infastidirmi'. I supremi Giudici prendono spunto da un caso di ingiuria e ne fanno occasione per stilare un vero e proprio "ingiuriometro": un misuratore dell'ingiuria. In certe situazioni, spiega la Corte (sentenza n. 30956 /2010) e' difficile "eliminare i toni accesi e le espressioni pesanti", specie se ci si trova in un "contesto di polemica" come accade in politica, ma dato il dilagare sempre più massivo delle ingiurie "ai fini di accertare se sia leso il bene protetto dall'art. 594 c.p. occorre fare riferimento ad un criterio di media convenzionale". In altri termini per stabilire se un 'vaffa' è da considerarsi offensivo occorre fare riferimento "alla personalita' dell'offeso e dell'offensore e al contesto nel quale la frase ingiuriosa è stata pronunciata". Secondo la Corte vi può essere tolleranza se il turpiloquio avviene in un contesto 'ioci causa' o tra soggetti in posizione di parita', insomma "in situazioni che non richiedono manifestazione di specifico rispetto".
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/09/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF