Sei in: Home » Articoli

Anche l'azienda in crisi deve versare i contributi INPS

Le ritenute previdenziali costituiscono una componente obbligatoria del salario che il datore di lavoro deve corrispondere ai propri dipendenti. La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 32348 ha così confermato l'inderogabilità dell'obbligo per l'impresa di versare i contributi INPS ai dipendenti anche se questa si trova in serie difficoltà economiche. Secondo gli ermellini “ il dissesto finanziario dell'impresa non può giustificare una omissione nel versamento dei contributi. La carenza di mezzi finanziari da cui deriverebbe l'impossibilità di versare i contributi assistenziali e previdenziali , effettivamente dovuti non influisce in alcun modo sula struttura del reato di cui all'art. 37 legge 24 novembre 1981 n. 689. Ciò in quanto il lavoratore subordinato ha un diritto alla posizione previdenziale che è sostanzialmente collegato alla durata del proprio rapporto di lavoro e che non è derogabile per ragioni contingenti ”. Con la sentenza in esame è stata così condannata una piccola società pisana che, ha causa del proprio dissesto finanziario, non aveva versato i contributi dovuti ai propri dipendenti .
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/08/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF