Sei in: Home » Articoli

Consulta: aggravante clandestinità? È incostituzionale

Con la sentenza n. 249/2010 i giudici di palazzo della Consulta hanno esplicitato le motivazioni sottese alla decisione di bocciare l'aggravante della clandestinità in quanto ritenuta discriminatoria. Pertanto “l'aggravante della clandestinità”, in quanto incostituzionale, cesserà di spiegare i suoi effetti nel nostro ordinamento giuridico. In particolare, la Corte ha bocciato l'art. 61, n. 11-bis, c.p., l'art. 1, comma 1, della legge del 15 luglio 2009, n. 94 e l'art. 656, comma 9, lettera a) c.p.p. (ma limitatamente alle parole “e per i delitti in cui ricorre l'aggravante di cui all'art. 61, primo comma, numero 11-bis), del medesimo codice”). Secondo infatti il giudizio del giudice delle leggi, tale aggravante risulterebbe del tutto discriminatorio , in quanto consentirebbe di ritenere un reato più grave se commesso da extracomunitario invece che da un cittadino italiano. Tale giudizio contrasterebbe con i principi dell'Unione Europea e con l'articolo 3 della Costituzione italiana che contiene cardine del nostro ordinamento e cioè il principio di uguaglianza.
Non solo: tale aggravante si pone inoltre in contrasto con l'articolo 25 della Costituzione, il quale prevede che la pena debba derivare non dalle qualità dell'imputato ma semplicemente dal comportamento.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/08/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF