Sei in: Home » Articoli

Parte la campagna: "Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene"

Secondo quanto rende noto il Ministero del Welfare, è partita il 23 agosto la Campagna di comunicazione “Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene” che ha ricevuto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, e si svolgerà da agosto 2010 a maggio 2011 in tre fasi. La creatività e produzione sono state realizzate dall'agenzia Acciari Consulting. Il progetto ha il fine di “promuovere un processo collettivo di sensibilizzazione e responsabilizzazione”, come si legge dalla nota diffusa dal Ministero, in cui ogni cittadini possa partecipare in prima persona.
Come infatti si legge dalla scheda del progetto diffusa dal Ministero del Welfare, emerge che la maggior parte degli infortuni che si verificano nei luoghi di lavoro ha natura “comportamentale”ed è per questo motivo che risulta fondamentale l'investimento delle imprese e delle istituzioni pubbliche nella formazione, nell'informazione e in tutte quelle attività che consentono di prevenire il determinarsi di una condizione di rischio. Come evidenzia il Ministero, solo una vera e propria rivoluzione culturale, può contrastare il fenomeno degli infortuni sul lavoro. Per ulteriori informazioni, www.lavoro.gov.it
(26/08/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il contratto di locazione - contenuto e forma. Con fac-simile
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
» Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
» Auto: dal 2018 con il documento unico per chi non paga il bollo radiazione sicura
In evidenza oggi
Avvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesaAvvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesa
Divorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al meseDivorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al mese
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF