Sei in: Home » Articoli

Tutela dei non fumatori: nuove misure restrittive per i luoghi pubblici e di lavoro

Lo scorso 18 aprile, a tre mesi dal varo della Legge antifumo n. 3 del 16/1/03, il Consiglio dei Ministri ha approvato il regolamento applicativo dell?articolo 51, comma 2, dettando le regole per l?individuazione e le caratteristiche dei locali riservati ai fumatori, nonché le caratteristiche degli impianti di ventilazione. In particolare, il provvedimento stabilisce che dovranno essere realizzati spazi destinati esclusivamente ai fumatori e i ristoranti dovranno alzare pareti per dividere i locali dove non si può fumare da quelli con libertà di fumo. Inoltre, i locali dove si potrà fumare dovranno essere esplicitamente contrassegnati e separati con pareti da quelli dove la sigaretta è off limits. Se ciò non è possibile, sia nei ristoranti che negli uffici, il divieto di fumo sarà assoluto. E ancora.
Si stabilisce che per i ristoranti lo spazio destinato ai fumatori dovrà obbligatoriamente essere inferiore alla metà della superficie complessiva del locale e per tali aree vengono fissati i requisiti essenziali dei mezzi di ventilazione, che dovranno garantire una quantità di aria supplementare minima di 22 litri/secondo per ogni persona potenzialmente ospitabile nel locale, in base ad un indice di affollamento di 0,7 persone ogni metro quadrato. Sono infine previsti speciali cartelli luminosi per contrassegnare le aree per fumatori, nonché per indicare il divieto di fumo in caso di guasto dell?impianto di ventilazione. Il provvedimento deve ora ricevere il parere del Consiglio di Stato e della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province unificata con la Conferenza Stato, città.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/04/2003 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF