Sei in: Home » Articoli

Le nuove sanzioni per l'eccesso di velocità

strada id8845
Il limite massimo di velocità in Italia resta in pratica quello dei 136 kmh, tetto oltre il quale scatta la multa compresa già nel computo la soglia di tolleranza del 5%. Mai praticato in concreto quello dei 150 kmh, pur astrattamente previsto nel caso in cui gli enti proprietari della strada lo innalzino nei tratti a tre corsie, con condizioni meteo ottimali, asfalto drenante e tutor in funzione, vale a dire il sistema che calcola la velocità media tenuta dai veicoli che ha concorso a ridurre la mortalità dei sinistri del 51%. Le sanzioni per gli eccessi sono le seguenti - sino a 10 kmh oltre il limite si pagano €38,00 e nessun punto-patente viene sottratto. tra 11 e 40 kmh di superamento la sanzione è pari ad €155,00 e vengono tagliati tre punti (prima cinque); tra 41 e 60 kmh oltre il limite la sanzione è salita ad €500,00 (prima era €370,00), mentre sono scesi i punti di sottrazione alla patente da dieci a sei. Per eccessi di velocità di oltre 61 kmh sopra il limite la sanzione è di €779,00 e vengono sottratti dieci punti. Va ricordato con le belle espressioni di Mario CALABRESI, tratte da "La Stampa" del 7 maggio 2010 a commento dell'approvazione al Senato del nuovo Codice della Strada, che "nessuna legge, se non applicata, potrà risolvere le situazioni di illegalità e evitare morti inutili. E il solo inasprimento delle pene arriva come punizione ma non salva innocenti famiglie. La soluzione può essere solo in una diversa CULTURA della velocità e in un lavoro di controllo e prevenzione inflessibile e capillare".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/08/2010 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF