Sei in: Home » Articoli

Estratto atto di ruolo? Può essere impugnato

Con la sentenza n. 15946 la Corte di cassazione ha stabilito che il contribuente può impugnare anche l'estratto di ruolo. Il principio è stato affermato dalla Sezione Tributaria del Palazzaccio con sentenza depositata il 6 luglio scorso. Secondo la motivazione sottesa alla decisione, l'estratto di ruolo può essere impugnato in quanto costituisce una “parziale riproduzione del ruolo” e cioè uno degli atti considerati impugnabili ex art. 19 del d.lgs. 546/1992. In particolare la Corte, richiamando la costante giurisprudenza sul tema, ha spiegato che “va riconosciuta la possibilità di ricorrere alla tutela del giudice tributario avverso tutti gli atti adottati dall'ente impositore che, con l'esplicazione delle concrete ragioni (fattuali e giuridiche) che la sorreggono, porti, comunque, a conoscenza del contribuente una ben individuata pretesa tributaria, senza necessità di attendere che la stessa si vesta della forma autoritativa dei uno degli atti dichiarati espressamente impugnabili dall'art. 19 d.lgs n. 546 del 1992, atteso l'indubbio sorgere in capo al contribuente destinatario, già al momento della ricezione della notizia, l'interesse “ex” art. 100 cod. proc. civ., a chiarire, con pronuncia idonea ad acquisire effetti non più modificabili, la sua posizione in ordine alla stessa e, quindi, ad invocre una tutela giurisdizionale (ormai allo stato esclusiva del giudice tributario), comunque, di controllo della legittimità sostanziale della pretesa impositiva e/o dei connessi accessori vantati dall'ente pubblico (Cass. 27385/08, cfr in ordine alla sussistenza dell'interesse ad impugnare anche S.U. 11087/10); considerato che assai recentemente è stato statuito che anche l'estratto di ruolo può essere oggetto di ricorso alla commissione tributaria, costituendo esso una parziale riproduziona del ruolo, cioè di uno degli atti considerato impugnabili dall'art. 19 del d.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 (Cass. n. 724/2010)”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/08/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Gli eredi legittimi: chi sono e quale è la differenza con i legittimari
» Colpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
In evidenza oggi
Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaDdl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
L'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziarioL'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF