Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il 'civilista' Paolo VITTORIA nuovo Presidente Aggiunto

I maniaci della materia del risarcimento dei danni avranno letto un'infinità di volte il nome del nuovo Presidente Aggiunto della Suprema Corte di Cassazione apposto quale presidente-estensore nell'epigrafe di pronunce assai pregevoli, talvolta storiche: il Dott. Paolo Vittoria, 73enne partenopeo, entrato in Magistratura nel 1962 (con parentesi all'Avvocatura di Stato), è stato per lunga pezza l'architrave della Terza Sezione ed aveva, stando ai rumors raccolti a Palazzo, molti estimatori anche in chiave-Primo Presidente. Sappiamo che la scelta è, poi, caduta (cfr. news del 7 luglio 2010) sul “penalista” Dott. Ernesto LUPO. Negli ultimi tempi Vittoria presiedeva la Prima Sezione. Arduo offrire una sintesi sul come si è dipanata la sua sfavillante carriera magistratuale: il Presidente Vittoria vanta in particolar modo il merito di aver fatto funzionare la “struttura”, cioè il meccanismo ideato prima del Decreto Legislativo n°40/2006 dai vertici del Palazzaccio di Piazza Cavour per decongestionare il lavoro, marchiando a fuoco i ricorsi a rischio-inammissibilità (le relative sentenze hanno il frontespizio contrassegnato “Aula S”, dove “s” come “struttura”). A questa struttura si è ispirato il Legislatore con il temibile FILTRO in CASSAZIONE introdotto dalla legge n°69/2009. Tale congegno negli intendimenti del suo Papà serve a sgravare le Sezioni ordinarie dalla disamina di quei ricorsi immeritevoli di un utile approfondimento ad opera di una Corte di legittimità. Come si espose nel corso del congresso tenutosi nell'ottobre 2009 presso la Corte di Cassazione e che vide tra gli animatori proprio il Dott. Paolo Vittoria, "perviene così a concretezza legislativa un dibattito avviato da molti anni e che di recente si era intensificato, essendosi da più parti avvertita l'esigenza, da un lato, di potenziare la funzione uniformatrice e NOMOFILATTICA della Corte Suprema – da esplicarsi, oggi più che mai, alla luce del principio di ragionevole durata – e, dall'altro lato, di alleviarne il carico di lavoro". Se impegnerete qualche quieto giorno d'agosto a redigere un ricorso per cassazione in materia civile, occhio al filtro e buon lavoro!
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/08/2010 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF