Sei in: Home » Articoli

Legittimati a stare in giudizio contro i contribuenti per rimborso tributo? Uffici periferici e non più uffici centrali

Con la sentenza n. 17601 la Corte di Cassazione ha stabilito che nelle controversie concernenti il rimborso di tributi sono competenti a stare in giudizio solo gli uffici periferici senza che nessun obbligo gravi ulteriormente sull'amministrazione finanziaria centrale. La Corte, nel decidere la questione ha spiegato che fino dal 1999 (e quindi prima delle modifiche introdotto con la legge n. 133/1999) la legittimazione a stare in giudizio spettava alla Direzione Regionale Entrate (DRE) che era “l'unico ufficio dell'amministrazione finanziaria passivamente legittimato a rispondere del provvedimento esplicito o implicito adottato dalla DRE sull'istanza di rimborso. Inoltre l'attivazione della nuova organizzazione amministrativa è stata disposta fin dalla fine del 2000, nel senso che l'ufficio delle entrate di Firenze è succeduto all'ufficio delle imposte dirette di Firenze e alla Sezione staccata della DRE della toscana, la quale è rimasta funzionante, temporaneamente e limitatamente, alle funzioni dell'ufficio Iva di Arezzo (art.1.2 Decreto del Ministero delle finanze 15 dicembre 2000)”. I giudici di legittimità, riferendosi al caso di specie hanno poi specificato che “quando nel 2003 le società hanno agito in giudizio contro il silenzio rifiuto formatosi già da qualche anno sulle loro domande di rimborso di un indebito tributario, l'unico Ufficio competente a “gestire il tributo”, anche con riguardo a quel procedimento amministrativo di secondo grado riguardante la revisione del rapporto giuridico d'imposta diretta e attivato con la domanda di rimborso del tributo, era l'ufficio locale di Firenze 3, che era succeduto sia all'ufficio delle entrate di Firenze sia alla DRE della Toscana.
Esso è, conseguentemente, l'unico ufficio legittimato a stare in giudizio e, per quel qui interessa, a proporre appello contro la sentenza di primo grado”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/08/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF