Sei in: Home » Articoli

Equa riparazione: sì alla valutazione equitativa del danno morale

La Corte di Appello di L'Aquila tornando a pronunciarsi in materia di equa riparazione per eccessiva durata del processo in un decreto del febbraio 2010 ha osservato che il danno morale "costituisce conseguenza tipica del prolungarsi del giudizio oltre i termini di ragionevole durata e non può essere oggetto che di valutazione equitativa, nell'operare la quale occorre attenersi in linea di massima al metro di valutazione della CEDU in casi analoghi". Sulla scorta di tali premesse la Corte ha ritenuto equo liquidare in favore di una ricorrente, per la durata di un giudizio solo di primo grado pari a quindici anni, un indennizzo di € 1.000,00 per ciascun anno di durata del procedimento “eccedente” il limite di ragionevolezza indicato, in base ai parametri desumibili dalla giurisprudenza CEDU, in anni cinque, stante la complessità delle questioni giuridiche affrontate nel caso di specie (riduzione testamentaria e divisione dell'asse ereditario fra plurimi coeredi).
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/07/2010 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF