Sei in: Home » Articoli

Finti danni allo specchietto: sequestro del veicolo per evitare la reiterazione del reato.

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 27178 del 14 luglio 2010, ha adottato una linea dura in caso di finti danni allo specchietto.Con la sentenza in esame ha stabilito che la confisca del veicolo debba essere necessariamente disposta nel caso in cui la macchina venga ad essere utilizzata per commettere delle vere e proprie truffe a danno dei cittadini. Secondo i giudici di legittimità la giustificazione di ciò risiede nel fatto che il bene potrebbe essere impiegato nuovamente impiegato per reiterare il reato . Nel caso sottoposto all'esame della Suprema Corte la truffa era stata orchestrata a danno di una coppia di anziani che era stata letteralmente raggirata simulandola rottura dello specchietto retrovisore della propria auto, e per il quale, con l'aiuto di un coimputato, era stata chiesta una somma per definire una controversia su un danno di fatto inesistente.
La Corte ha ritenuto che l'auto fosse in una relazione strumentale con il reato e non in mero rapporto occasionale, come risultava da una modificazione apportata allo specchietto. Per tali motivi il mezzo lasciato nella disponibilità dell'imputato avrebbe potuto costituire un incentivo per quest'ultimo per commettere reati della stessa natura
(20/07/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittimeViolenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF