Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dovuta IRAP da professionista che si avvale in modo continuativo di servizi esterni

La Corte di Cassazione (Sentenza 10151/2010) ha stabilito che uno studio professionale che ricorre in modo continuativo al lavoro di teri per ottenre servizi che vanno dalla telefonia al segretariato, deve pagare l'IRAP. Se infatti il ricorso a terzi avviene in forma rilevante e continuativa (non occasionale), sussiste il presupposto "dell'esercizio abituale di una attività autonomamente organizzata, previsto dall'art. 2, comma 1, del d.lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, non rilevando che la struttura posta a sostegno e potenziamento dell'attività professionale del contribuente sia fornita da personale dipendente o da un terzo in base ad un contratto di fornitura".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/07/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Avvocati: sanzionato chi tratta la causa senza il collega avversario
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Accordi prematrimoniali: in arrivo la legge
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizioneAvvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF