Sei in: Home » Articoli

Equo indennizzo: Corte di Appello di L'Aquila, per processi di non ordinaria difficoltà la durata ragionevole è di anni cinque

La Corte di Appello di L'Aquila con decreto del marzo 2010 nell'accogliere un ricorso per equo indennizzo promosso in relazione ad una causa durata ben trentaquattro anni ha precisato che, in base ai parametri desumibili dalla giurisprudenza CEDU, è da ritenersi in linea di massima congrua per un giudizio di primo grado la durata di anni cinque quando si tratta di cause “di non ordinaria difficoltà come quelle di divisione ereditaria fra plurimi coeredi, connotata nella specie da plurimi accertamenti e rilievi da parte dei cc.tt.uu. di volta in volta nominati.
(15/07/2010 - Avv.Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF