Sei in: Home » Articoli

Cassazione: verso cittadinanza italiana per esuli prima del '48. Il caso di due turchi, principio potrebbe applicarsi anche ai discendenti

Agli esuli che prima del '48 hanno lasciato il nostro Paese e si sono uniti in matrimonio con cittadini stranieri potrebbe essere di nuovo riconosciuta la cittadinanza italiana. Anche se non ne hanno fatto espressa richiesta. Il via libera potrebbe valere, ovviamente, anche per i loro discendenti. A spezzare una lancia in favore degli esuli che hanno lasciato l'Italia prima del '48 e' la Cassazione che, con l'ordinanza 4999, invita le Sezioni Unite a ripronunciarsi sullo 'status civitatis' sollevato da due fratelli turchi. Simon e Izak T., figli di madre originaria dell'Italia sposata con un turco dal '47, dopo aver ricevuto due no dal Tribunale e dalla Corte d'appello di Roma si sono rivolti alla Cassazione per avere il riconoscimento della cittadinanza italiana per loro e per la madre Lea M., nata ad Istanbul nel 1918 ma di origini italiane.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/04/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF