Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non va motivato il mancato riconoscimento della maggiorazione sugli onorari in caso di assistenza di più parti

La terza sezione civile della Corte di Cassazione (sentenza n.16153/2010) ha stabilito che il giudice non è tenuto a motivare il mancato riconoscimento della maggiorazione del 20% sull'onorario all'avvocato che ha assistito più parti nel processo. Secondo la Corte infatti la maggiorazione del 20% per l'assistenza e difesa di ogni altro soggetto oltre il primo "costituisce l'esercizio di un potere discrezionale da parte del giudice" tanto che la legge - annotano gli ermellini - dispone che il giudice "può" applicare tale maggiorazione. Per questo secondo la Corte, la specifica motivazione è richiesta solo se tale potere viene esercitato, così come accade per ogni altro potere discrezionale in tema di liquidazione di spese processuali. "Il principio generale, infatti, è che le spese seguono la soccombenza, senza che sia necessaria alcuna motivazione per il non esercizio del potere discrezionale di disporne la compensazione.
Solo se il giudice ritiene di compensare in tutto o in parte dette spese, deve motivare le ragioni che giustificano tale compensazione". Nella parte motiva della sentenza la corte chiarisce infine che in ogni caso "Un obbligo di motivazione sussiste altresí se la parte abbia non solo espressamente richiesto tale maggiorazione di cui al cit. 5 c. 4., del d.m. n. 585/1994, ma anche abbia sottoposto al giudice le ragioni che la giustificano (che non possono consistere nel solo fatto della pluralità di assistiti). In questo caso, se il giudice non ritenga di far proprie quelle argomentazioni e neghi la richiesta maggiorazione dell'onorario, deve indicare la ragioni per cui non ha aderito alla motivata richiesta".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/07/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF