Sei in: Home » Articoli

Agevolazioni prima casa? No a chi chiede residenza ma la ottiene oltre i termini

Con la sentenza n.14399 depositata il 15 giugno 2010, la sezione Tributaria della Suprema Corte ha stabilito che, per quanto riguarda l'imposta di registro, per avere l'agevolazione fiscale per acquistare la prima casa è necessario che l'immobile sia situato nel comune in cui l'acquirente ha la residenza pertanto il contribuente, che dopo aver chiesto la residenza tempestivamente la ottiene solo dopo un anno dalla dichiarazione dell'atto di acquisto, e quindi oltre i termini, perde il diritto a tale agevolazione. La Corte ha infatti precisato che “nessuna rilevanza giuridica può essere riconosciuta alla realtà fattuale, ove questa contrasti con il dato anagrafico, o all'eventuale successivo ottenimento della residenza, essendo quest'ultima presupposto per la concessione del beneficio che deve sussistere alla data dell'acquisto”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/06/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF