Sei in: Home » Articoli

Sentenza non sottoscritta dal giudice monocratico? Nullità relativa

Con la sentenza n. 23738, la sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha stabilito che sono nulle le sentenze che vengono emesse senza la sottoscrizione del giudice monocratico. Secondo la ricostruzione della vicenda che ha portato i giudici di legittimità ad esprimersi sulla questione, in seguito dell'emissione di una sentenza non sottoscritta da parte del Tribunale monocratico di Torino, il Procuratore generale della Corte d'Appello del distretto, presentava ricorso in cassazione. La Corte accogliendo il ricorso del Procuratore generale e precisando che la sentenza che non rechi la firma del giudice che l'ha emessa è nulla perché la mancanza della sottoscrizione “impedisce di ritenere la provenienza della decisione dal giudice che lo ha compiuto”, ha inoltre precisato che si tratta comunque di una nullità sanabile e che pertanto non travolge il giudizio: la sentenza sarà quindi validata con una “mera rinnovazione dell'atto medesimo”.
(25/06/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF