Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocato abbandona cliente per difendere controparte? Sanzioni disciplinari

Con la sentenza n. 14617, depositata il 17 giugno 2010, la Corte di Cassazione ha stabilito che l'avvocato il quale, rinunciando al suo mandato, difende la controparte nella stessa causa, va incontro a sanzione disciplinare. Il principio è stato affermato dalle Sezioni Unite “sulla base di un principio già affermato da queste Sezioni Unite, e condiviso dal Collegio - Cass S. U. n. 20024 del 2004 - , secondo cui “nei procedimenti disciplinari a carico di avvocati la concreta individuazione delle condotte costituenti illecito disciplinare, definite dalla legge mediante una clausola generale (mancanza nell'esercizio della professione o comunque fatti non conformi alla dignità e al decoro personale) è rimessa alla valutazione dell'Ordine professionale ed il controllo di legittimità sull'applicazione di tali valutazioni non consente alla Corte di Cassazione di sostituirsi al Consiglio nazionale forense nell'enunciazione di ipotesi di illecito, se non nei limiti di una valutazione di ragionevolezza”.
(19/06/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF