Sei in: Home » Articoli

Risarcimento davanti al Giudice amministrativo anche in via autonoma... ma attenzione ai termini

Con la sentenza n.4 del 20 gennaio-26 marzo 2003 l'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha confermato che il legislatore ha attribuito al giudice amministrativo la cognizione delle questioni relative al risarcimento del danno derivante da un atto illegittimo della p.a. senza distinzioni fra giurisdizione di legittimità ed esclusiva. Sulla scorta di questa premessa è pervenuta alla conclusione che la domanda di risarcimento collegata alla lesione di un interesse legittimo possa essere proposta sia unitamente a quella di annullamento sia in via autonoma ma che, in quest'ultimo caso, sia sempre necessaria la previa impugnazione del provvedimento amministrativo entro il termine decadenziale e ciò in quanto al giudice amministrativo non è dato il potere di disapplicare atti non regolamentari.
(16/04/2003 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF