Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non è reato esporre una fotocopia in bianco e nero del permesso invalidi

invalido handicap disabile
Esporre una copia in bianco e nero del permesso di parcheggio per invalidi non integra gli estrei del reato previsto e punito dall'art. 489 del codice penale (uso di atto falso). Lo ha chiarito la quinta sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza n. 22578/2010 specificando che quando la copia esposta mostra "palesemente la sua natura di fotocopia" non si può parlare di uso di atto falso anche se il suo uso è stato fatto per occupare un parcheggio riservato da parte di un soggetto non legittimato. In precendenza la Corte di Appello aveva derubricato la constestazione mossa all'imputato di contraffazione del permesso di sosta ed aveva emesso sentenza di condanna per uso di atto falso. Ricorrendo in Cassazione l'automobilista ha fatto notare che non si può considerare un falso la fotocopia di un atto che falso non è. La suprema Corte, dando ragione all'imputato, ha fatto anche notare che una riproduzione in bianco e nero non può di certo simulare l'originale dato che si dimostra palesemente come una copia fotostatica e, per questo, viene a mancare il cosiddetto dolo generico che caratterizza il reato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/06/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF