Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pendone è responsabile esclusivo dell'incidente se attraversa di corsa. Anche se sulle strisce

pedone strisce id8578
Giro di vite della Cassazione contro i penoni indisciplinati. La Corte ha infatti affermato che il pedone che attraversa di corsa la strada è l'unico responsabile se si verifica un incidente. E poco importa che l'attraversamento sia avvenuto sulle strisce pedonali. Secondo i giudici di Piazza Cavour (Sentenza n. 14064/2010 della terza sezione civile) "il pedone il quale attraversi la strada di corsa sia pure sulle apposite 'strisce pedonali' immettendosi nel flusso dei veicoli marcianti alla velocita' imposta dalla legge, pone in essere un comportamento colposo che puo' costituire causa esclusiva del suo investimento da parte del veicolo". La decisione è stata presa in relazione al caso di una signora Milanese investita da un motociclista mentre attraversava sulle strisce riservate ai pedoni.
La donna aveva chiesto il risarcimento per le lesioni subite ma per la Cassazione nessun risarcimento le è dovuto. Il fatto che la donna si trovasse sulle scrisce infatti non la esime dall'essere l'unica responsabile dell'incidente. Come si legge nella motivazione della sentenza il pedone e' l'unico colpevole quando l'investitore "dimostri che l'improvvisa ed imprevedibile comparsa del pedone sulla propria traiettoria di marcia ha reso inevitabile l'evento dannoso, tenuto conto della breve distanza di avvistamento, insufficiente per operare un'idonea manovra di emergenza".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/06/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF