Sei in: Home » Articoli

Immigrato commette reato in Italia? Riconoscimento delle attenuanti generiche se versa in “condizioni di vita disagiate”.

Avrà diritto al riconoscimento delle attenuanti generiche l'immigrato, autore di reati e che vive in Italia in condizioni disagiate: questo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 22212 del 10 giugno 2010. Nel caso di specie, dopo aver commesso il reato di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento, un immigrato veniva condannato e il Tribunale, però, gli riconosceva le attenuanti generiche. Su ricorso proposto dalla procura di Torino, che aveva sostenuto la tesi dell'impossibilità di fondare la concessione delle attenuanti generiche sul mero fatto delle disagiate condizioni di vita in cui versava l'immigrato, vista peraltro la “gratuita violenza” e la “pervicacia” che hanno connotato questi reati, la sesta sezione penale, con una sentenza destinata a fare interrogare l'opinione pubblica, ha precisato che “il Tribunale non ha concesso le attenuanti generiche per incensuratezza ma per le “disagiate condizioni di vita”. Si tratta di un parametro sicuramente rientrante nella previsione dell'art.62, Non ricorre pertanto violazione di legge con riferimento la divieto di concessione di attenuanti generiche di cui al terzo comma di tale norma, introdotto per effetto dalla l. 24 luglio 2008 n. 125. Neppure la misura della pena base può essere sindacata in questa sede.
Delle caratteristiche della condotta e del dolo, connotati da una certa gravità e intensità, rilevate dallo stesso giudice, si è tenuto conto, avendo il Tribunale fissato una pena base superiore di due mesi e dieci giorni rispetto al minimo edittale previsto per il più grave reato di resistenza”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/06/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF