Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Anf: occorrono regole chiare e rigorose per specializzazione avvocati

L'Associazione nazionale forense (Anf) ha ribadito che "l'introduzione delle specializzazioni all'interno della riforma della legge professionale forense in discussione al Senato e' un fatto positivo, soprattutto perche' rappresenta una garanzia per i cittadini". Il sistema ipotizzato nel progetto di riforma però - si legge nel documento - desta "qualche perplessita', in primo luogo per la mancata previsione di percorsi - alternativi alla frequenza delle scuole di alta formazione - attraverso i quali sia possibile dimostrare la propria conoscenza e pratica specialistica. Come pure sembra eccessiva in senso opposto la possibilita', per gli avvocati iscritti all'albo da almeno venti anni, di qualificarsi con il titolo di specialista, addirittura in due diverse discipline, solo sulla scorta di un'auto-attestazione". Secondo il segretario generale di Anf, Ester Perifano ''E' essenziale che si stabiliscano regole chiare e rigorose per defnire sia il percorso attraverso cui gli avvocati possono ottenere la specializzazione, sia i requisiti di cui devono essere dotati i soggetti titolati ad attribuire la specializzazione". Per la Perifano "sono in gioco prima di tutto i diritti dei cittadini, quindi anche la rispettabilita' di tutta la professione forense.
E' bene mettere subito dei paletti molto chiari per evitare di aprire le porte a chi ha solo voglia di fare affari''.
(03/06/2010 - Notiziario)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF