Sei in: Home » Articoli

Guida in stato di ebbrezza : la confisca non scatta se si tratta di auto aziendale

La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 20093 del 26 maggio 2010, ha radicalmente invertito il proprio orientamento in tema di confisca ed ha escluso che si possa applicare la misura in esame se il veicolo appartiene a persona estranea al reato. Ha ritenuto che non possa essere sequestrata l'auto aziendale anche se il conducente è colto alla giuda in stato di ebbrezza. Sulla base di questo assunto la Suprema Corte ha così annullato il provvedimento restrittivo adottato dal Tribunale del riesame di Vicenza con il quale era stata disposta la confisca del veicolo condotto dal legale rappresentante della società intestataria del veicolo sottoposto a confisca. Per i giudici di legittimità il carattere afflittivo della confisca, che trascende le esigenze di sicurezza, sarebbe incompatibile con l'applicazione della misura in parola alla luce dei principi di legalità, personalità e responsabilità che caratterizzano le sanzioni penali.
Con la precedente sentenza n. 10688 del 18 marzo 2010, invece, i giudici di legittimità avevano riconosciuto la legittimità del sequestro dell'auto guidata sotto gli effetti dell'alcool anche se non appartenente al guidatore ma utilizzata in leasing. Nel caso di specie il Supremo collegio affermò che, nell'ipotesi del leasing, il bene anche se non è di proprietà appartiene al soggetto al quale è stata attribuita la materiale disponibilità del bene stesso.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/06/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF