Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente rimborso spese legali a politici locali inquisiti che vengono assolti

L'uomo politico che finisce sotto processo in relazione a questioni inerenti l'esercizio delle proprie funzioni di pubblico amministratore non ha diritto al rimborso da parte del Comune delle spese legali sostenute per il processo anche se è stato assolto. E' quanto afferma la Corte di Cassazione (sentenza n.12645/2010) spiegando che "gli amministratori pubblici non sono dipendenti dell'ente ma sono eletti dai cittadini ai quali rispondono del loro operato". Il caso esaminato da Piazza Cavour riguarda sei ex amministratori di un comune astigiano che avevano chiesto il riborso delle spese sostenute per difendersi dall'accusa di presunti reati legati alle loro funzioni di pubblici amministratori.
Il procedimento si era concluso con l'assoluzione e di qui la richiesta di rimborso al Comune. In I grado il Comune veniva condannato a rimborsare le spese legali agli ex amministratori ma la Corte d'Appello ribaltava la decisione. Inutile il ricorso in Cassazione dove gli Ermellini hanno evidenziato che ''le spese di difesa non sono legate all'esecuzione del mandato da un nesso di causalita' diretta''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/05/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
» Lavoro: la pausa caffè non è reato
» Semaforo giallo: quando scatta la multa?
In evidenza oggi.
Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
Carcere fino a 6 mesi e obbligo di ripulire per chi sporca edifici e mezzi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF