Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pescivendoli controllino di persona il pesce. Non si attenda il controllo della Usl, scattano multe salate

Roma - (Adnkronos) - I venditori di pesce hanno l'obbligo di controllare di persona il prodotto ittico prima di metterlo in vendita, senza demandare la mansione ai veterinari della Usl. Se non si attengono a queste disposizioni scattano multe salate. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato la condanna a 1.730 euro di multa a Giuseppe I., un venditore di pesce al mercato ittico di Torino, 'reo' di aver detenuto per la vendita 64 chili di sgombri invasi da larve vive. Contro la sanzione inflitta dal Tribunale di Torino si e' opposto in Cassazione il pescivendolo che si e' difeso sostenendo che solo al servizio veterinario incombeva l'obbligo di effettuare un controllo parassitologico quotidiano sul pescato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/04/2003 - Roberto Cataldi)
Le pių lette:
» Il reato di violenza privata
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Gli eredi legittimi: chi sono e quale č la differenza con i legittimari
» Colpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
In evidenza oggi
Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaDdl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
L'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziarioL'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF