Sei in: Home » Articoli

Cassazione: stop ai viaggi dei politici con mogli e compagne

giudice sentenza martello
La Cassazione ha detto basta ai furbetti della politica e mette in chiaro che le trasferte vanno fatte solo per ragioni istituzionali e non per fare viaggi con le proprie consorti. Il monito arriva dopo che il palazzaccio si è dovuto occupare di una serie di casi di truffe aggravate e falsi ideologici contestati a un sindaco e a sei dei suoi assessori che con una certa frequenza se ne andavano in viaggio con moglie e compagne a spese del Comune. Questi viaggi spiega la Corte (sentenza 18071/2010 della quinta sezione penale) Gli illeciti, ricostruisce la sentenza 18071 della V Sezione penale, venivano giustificati presentando tabelle di missione in si indicavano spese sostenute e motivi istituzionali dei diversi tour in svariate città d'Italia tr acui Roma, Milano, Napoli, Firenze, Rimini e Ischia. Sindaco e assessori ottenevano anche il rimborso delle spese dello loro compagne di cui non dichiaravano la presenza limitandosi a presentare fatture maggiorate in relazione al costo di viaggio e soggiorno. Una sentenza che costituisce un primo giro di vite contro il malcostume di alcuni politici di approfittare di benefici legati agli incarichi ricoperti.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/05/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF