Sei in: Home » Articoli

Ricorsi al Prefetto per multe stradali: parte il progetto del Ministero degli Interni - On line lo stato dell'impugnazione

E' partita dal 5 maggio 2010 l'iniziativa sperimentale del Ministero degli Interni: in alcune aree sarà possibile consultare via internet lo stato della propria procedura di impugnazione avverso la multa per infrazioni al Codice Stradale. Quando nel prossimo futuro il sistema entrerà a pieno regime sarà possibile anche presentare il ricorso per via telematica disponendo di una casella di posta elettronica certificata e di firma digitale. Ma a livello di strategia conviene al cittadino rinunciare alle garanzie offerte dal processo di opposizione alla sanzione amministrative offerte a piene mani avanti al (pur vituperato) Giudice di Pace, optando per la via prefettizia? Visitate il Portale nei prossimi giorni perché torneremo in tempi rapidi in argomento in modo approfondito per offrirVi una guida ragionata su come muoversi nei meandri delle multe stradali.
(10/05/2010 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Cane fa pipì in strada, multa da 157 euroCane fa pipì in strada, multa da 157 euro
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF